Una famiglia in progress tra storie di cucina, risparmio e vacanze low budget
come pulire la lavatrice

Come igienizzare la lavatrice

Il bucato puzza? Non è detto che dipenda dal detersivo o dall’asciugatura. Una delle cause dei panni maleodoranti può essere la lavatrice. Ad esempio, l’acqua stagnante con residui di sporco puzza e non permette alla lavatrice di igienizzare il bucato. Troppi lavaggi a temperatura bassa, cattiva pulizia delle parti come cassettino e vaso detersivo, oblò e tubature possono determinare la formazione di muffe e sporcizia che causano il cattivo odore.
Quindi, come igienizzare la lavatrice?

  1. Il primo passo da compiere è vuotare il filtro e pulirlo accuratamente. Nel filtro si depositano spesso acqua maleodorante e residuo di detersivo e sporcizia varia. Il cassettino del filtro è in genere posizionato alla base della lavatrice, a destra o a sinistra dell’oblò.
  2. Il secondo passaggio è la pulizia del cassettino che dobbiamo rimuovere e lavare con uno spazzolino e del detersivo igienizzante.
  3. A questo punto, inchinatevi e controllate il vano dove risiede il cassettino del detersivo. Quasi sicuramente sarà nero a cause della formazione di muffe e sedimentarsi di sporco. Con l’aiuto dello spazzolino e di uno spruzzino pieno di acqua calda, rimuovete con pazienza tutto lo sporco incrostato nelle pareti. Ad ultimo fate scorrere dell’acqua affinché la sporcizia scenda lungo le tubature.
  4. Pulizia delle guarnizioni: prendere un panno umido imbevuto di detergente disinfettante e allargate con le dita le guarnizioni poste sull’oblò. Passare ripetutamente la spugna.
  5. Nei fori dell’oblò possono incrostarsi sporcizie varie. Rimuoverle sarà alquanto difficile, senza un lavaggio ad alta temperatura, ma nel frattempo potete comunque passare un panno per rimuovere eventuale sporco.
  6. Pulizia delle tubature di scarico e carico: le tubature intasate possono essere una delle cause dei residui di acqua nel cestello della lavatrice. Residui che creano cattivo odore. La pulizia delle tubature è un’operazione che andrebbe fatta ogni tot mesi, perché soprattutto nelle tubature di scarico, lo sporco potrebbe sedimentarsi. Come pulirle? Svitate il tubo lato lavatrice e passate una sonda o un getto d’acqua potente capace di eliminare lo sporco insidiato nelle pareti.
  7. Lavaggio ad alta temperatura: a questo punto potete procedere ad un lavaggio lungo a 90°, preferibilmente a vuoto (senza carico). Nel vano cassetto potete mettere a scelta: un bicchiere di candeggina oppure
    1/2 litro di aceto bianco + 1 cucchiaio di bicarbonato direttamente nell’oblo e la stessa quantità nella vaschetta. Attenzione: poiché bicarbonato e aceto fanno reazione, consigliamo prima di versare l’aceto nella vaschetta (mentre scorre l’acqua) e poi unire l’aceto.
  8. In caso di lavaggio con candeggina, si consiglia un secondo ciclo anche a temperatura più bassa affinché si rimuovano residui di candeggina che potrebbero scolorire il bucato.

Esistono prodotti specifici per la cura della lavatrice? Certo! Sia per la disinfezione periodica che per quella ad ogni uso. Il consiglio è di leggere le recensioni per capire se il prodotto è efficace.

L’aceto rovina la lavatrice? A lungo andare potrebbe corrodere le parti metalliche, ecco perché si consiglia un uso sporadico e controllato.

Perché il detersivo e la sporcizia si incrostano nella lavatrice? Quale tipologia di detersivo è preferibile usare? Dipende dalla tipologia di lavatrice. Alcune non sciolgono quello in polvere, altre non sciolgono le caps. Dovresti fare delle prove per capire quale tipologia garantisce il bucato più pulito, senza danni.

Si può mettere il detersivo in polvere direttamente nell’oblò? Certo! Puoi riporlo nell’oblò all’interno del misurino che trovi nella confezione, oppure puoi usare la classica pallina. Tra l’altro il detersivo riposto direttamente nell’oblò evita sprechi e lava meglio il bucato.

Si può mettere l’ammorbidente direttamente nel cestello della lavatrice? Meglio di no. Nel cassettino è previsto uno scomparto specifico per l’ammorbidente che viene prelevato automaticamente nella fase del ciclo corretta per poter svolgere la sua funzione.

L’ammorbidente rovina i capi? Sì. L’effetto morbidezza in realtà dipende da quella patina che si “aggrappa” sui capi ed in particolare gli asciugamani, riducendo anche la capacità di asciugatura e proteggendo il capo al punto da rendere difficoltoso rimuovere lo sporco.

POTREBBE INTERESSARTI LEGGERE