Una famiglia in progress tra storie di cucina, risparmio e vacanze low budget
quali colori scegliere per la cameretta dei bambini

Quali colori scegliere per la cameretta

Azzurro, verde, viola, bianco o rosso? Quale sarà mai il colore più adatto alla cameretta dei bambini in base alla cromoterapia? Ma davvero il colore riesce ad influenzare lo stato d’animo?
La cameretta per i bambini è un luogo magico. Un ambiente da studiare attentamente in base alla loro età. Il loro spazio, quello capace di stimolare la fantasia, dove potersi rilassare e sentire al sicuro. Quello dove si sentono liberi di creare, di sognare e anche di rifugiarsi quando l’umore è ballerino.
Ecco perché la scelta delle tonalità adatte alle pareti non è affatto trascurabile. La cromoterapia in questo senso ci dimostra che la scelta dei colori influenza positivamente o negativamente l’umore dei bambini, dalla nascita alla crescita.


SCOPRI COME HO REALIZZATO LA CAMERETTA DEL MIO BIMBO

La scelta dei colori e la disposizione degli spazi rappresentano, quindi, un aspetto importante che non deve essere influenzato esclusivamente dal volere dei genitori. Se i bimbi sono nati e abitano già la stanza, è bene capire, osservare, comprendere come usano gli spazi. Se i bimbi devono nascere è importante optare per colori tenuti e pastello che stimolano sonno e tranquillità, per poi mutarli con la crescita sempre con un occhio attento allo studio dedicato agli effetti del colore sul sonno e sulla felicità.

Quali colori sono adatti alla cameretta dei bambini? Se il colore influenza l’animo, allora è scontato dire che esistono colori indicati e colori da evitare assolutamente. Ma quali sono?

Colori da evitare:
1) il rosso ed il viola rendono vivaci, stimolano il cervello e non concilia il sonno.
2) Al grigio ed il marrone si associano stati d’animo negativi come la depressione, pertanto è bene evitarli.

LA CAMERETTA DI MATTIA

Colori adatti alla cameretta:
1) i colori del cielo e quindi l’azzurro che richiama anche il mare trasmettendo ai bambini una sensazione di relax, sciolgono le tensioni e abbassano la pressione sanguigna. Associare il colore azzurro ad alcune fantasie di terra o del mare aiuta poi a stimolare la fantasia del bambino, anche piccolo che inizia a scoprire forme e colori anche attraverso gli ambienti in cui vive.
2) Un altro colore consigliato è il verde ovvero quello che rappresenta la natura. Natura è sinonimo di buonumore, apertura mentale e serenità.
3) Poi c’è il giallo un colore che trasmette sensazioni di felicità e che pare aiuti a rilassarsi e a dormire, tanto che secondo uno studio chi dipinge la camera di giallo dorme all’incirca 7 ore a notte.
4) Infine, c’è il bianco, il colore della purezza. Prima di sceglierlo, controllare la stanza e verificarne la luminosità. In alcuni ambienti il bianco può risaltare al punto da risultare eccessivamente luminoso e poco rilassante, soprattutto su bambini/neonati.

Quali colori aiutano a studiare? In età scolare il giallo e l’arancione sono colori che stimolano il buonumore e possono avere un’influenza positiva sullo studio. Insomma, pensate di trovarvi costretti a studiare in un ambiente grigio e cupo, l’umore ne andrebbe influenzato negativamente, rispetto all’allegria dei colori delle belle giornate.

Quali colori sono adatti ai neonati? Sono un’ottima soluzione il bianco (senza eccessiva luminosità), noce e beige ovvero tonalità chiare e calmanti, oltre ad essere sinonimo di purezza e semplicità.

Quale tipologia di pittura scegliere? A prescindere dal colore scelto, è preferibile optare per una pittura lavabile di qualità.

Consigli:
1) evitare decorazioni eccessive che possono avere un effetto opprimente.
2) Scegliere la fantasia con i bambini, dando loro 3 opzioni di colori tenui adatti per la cameretta.
3) Evitare pitture e decorazioni a base di sostanze chimiche che possono risultare tossiche.

POTREBBE INTERESSARTI LEGGERE