Una mamma ed un bimbo tra storie di vita, di creatività e pillole di diritto.
Casa nuova o da ristrutturare

Scelta tra Casa Nuova o da Ristrutturare: consigli e spese

Casa nuova o da ristrutturare? Cosa scegliere? Come capire qual è la soluzione più idonea al budget familiare e ai tempi tecnici di occupazione dell’immobile? Insomma, come districarsi nella scelta tra una casa nuova o da ristrutturare? Quali le spese affrontare nell’uno e nell’altro caso?

No. Non stiamo acquistando casa nuova al mare o in montagna o semplicemente una casa più grande, magari con giardino, angolo cucinino separato ed un ampia sala. Semplicemente, all’ennesima notte insonne, sdraiata sul divano con una tazza di latte e miele in mano, guardavo uno dei miei programmi preferiti: Fratelli in Affari. Sì, sono i due americani che ristrutturano casa di sana pianta per poi rimetterla in vendita.

Così, dopo aver parlato delle 10 astuzie per la scelta della casa, mi sono interrogata sulla scelta tra l’acquistare un appartamento o una villetta da ristrutturare e l’acquisto sulla carta (progetto) o comunque di un’abitazione con cantiere in corso.

La risposta? La conclusione è si tratta esclusivamente di una questione prima di carattere e poi di budget.

Si, di carattere, perché c’è chi preferisce vivere sereno in una casa nuova e MQ risicati, in un condominio con mura sottiletta, ma anche in una villetta a schiera, con inclusa compartecipazione alla vita privata del vicino, di cui senti anche la pipì che scende nel WC.
E c’è chi mira e rimira una villetta semi diroccata ed è in grado di sopportare e supportare una lunga costruzione > ristrutturazione, con la gestione di un annesso frutteto su cui far scorrazzare i bimbi, e magari su cui costruire anche una ampia piscina, dove fare la VIP, mentre gli altri si scornano per un cm quadrato di spiaggia agostana.
Personalmente nei 35 anni di vita in casa ho assorbito: ansie, addizioni, sottrazioni, procedure e fregature non di una, ma di più case! Ecco perché questo post, per aiutare chi si accinge a decidere lo stile di vita da condurre, perché la scelta della casa è una scelta di vita!

I pro e contro di un’abitazione nuova versus una da ristrutturare:

  1. casa nuova o ristrutturazione? Le agevolazioni statali sembrano privilegiare la ristrutturazione rispetto all’acquisto ex novo, ma aldilà di ciò attenzione: l’entità della spesa totale varia in base alla tipologia di lavori. Quando acquisti un’abitazione da ristrutturare devi valutare: qualità degli infissi e quindi isolamento acustico e termico e quindi Classe Energetica; impianto elettrico a norma; eventuali umidità, etc. Il  D.P.R. 6/6/2001 n. 380 suddivide le ristrutturazioni in: ordinarie, straordinarie, restauro, risanamento conservativo, etc.
  2. Prezzo di acquisto: la crisi del mattone ha colpito soprattutto gli immobili vecchi, su cui è più facile spuntare un prezzo favorevole, rispetto alle costruzioni nuove. Assolutamente da non dimenticare è l’eventualità di acquistare un’abitazione ad un’asta giudiziaria, aspetto infelice dal punto di vista di chi quella costruzione l’ha persa, ma d’altronde qualcuno dovrà pur acquistarla e spesso le imprese edilizie fanno dei passi più lunghi della gamba, con interi stabili all’asta, perciò perché non informarsi?
  3. Budget: la compravendita di un immobile nuovo è più sicura in presenza di budget limitato e necessità abitative immediate, poiché la spesa X viene determinata dal costruttore e salvo eventuali variazioni di richieste (parquet anziché mattonella, finestre in alluminio anziché PVT, etc), nessuna aggiuntiva subentrerà.
  4. Ristrutturazione e spese extra: successivamente all’ingresso delle ditte nell’abitazione e l’inizio dei lavori si potrà comprendere la spesa indicativa e reale, poiché non è usuale il subentrare di problemi non inseriti in preventivo (esempio tubature vecchie, impianti non a norma, etc.). La domanda è: puoi affrontare eventuali spese extra e fino a quale limite? 
  5. Spese di compravendita: è previsto un regime fiscale di favore per le abitazioni vecchie, mentre le spese sono superiori per le abitazioni nuove.
  6. Agevolazioni fiscali prima casa: si distinguono in base alla tipologia di venditore (privato o impresa) e toccano l’acquisto della casa in leasing, gli sconti Irpef per immobili in classe energetica A o B, etc. Inoltre in caso di ristrutturazione sono previste detrazioni: ristrutturazione edilizia e bonus mobili per coppie giovani, riqualificazione e adeguamento sismico. Massima attenzione nei confronti delle novità della Legge di Stabilità 2017 e nel seguire l’iter stabilito dal legislatore al fine di beneficiare degli sgravi.
  7. Ristrutturazione: a chi mi rivolgo? In primis scelti il progettista e nominalo con una lettera di incarico che preveda ogni aspetto di ciò che gli compete, compresi compensi e responsabilità.
  8. Ditta costruttrice: ho scelto il professionista e ora a quale ditta mi rivolgo per smantellare e ristrutturare? Le alternative sono due: 1) ti rivolgi alla ditta di fiducia del progettista oppure 2) scegli personalmente con chi dovrà collaborare chi dirige i lavori. Il consiglio è chiedere preventivi, parlare con chi ha ristrutturato prima di voi, verificare lavori già eseguiti da quella ditta e capire se stipulare un contratto con materiale (mattoni, cemento, sabbia, etc.) acquistato dalla ditta e messo in preventivo, e con materiale acquistato personalmente, vigilando l’uso che viene fatto del proprio denaro.
  9. Posso abitare una casa su cui sono previsti dei lavori di ristrutturazione? Dipende. Agibilità, conformità degli impianti, certificazione energetica sono necessari per poter abitare la casa nuova o vecchia che sia. Attenzione, alcune di queste certificazioni non sono essenziali per la validità del contratto di compravendita, malgrado ciò: l’agibilità è presupposto necessario perché un’abitazione possa essere vissuta, ma l’assenza non inficia la vendita. L’acquirente dovrebbe chiedere il certificato ancor prima di apporre la firma sul preliminare di vendita. Le abitazioni nuove hanno già queste certificazioni, tra cui quella della classe energetica che deve essere sempre attenzionata prima di acquistare, anche ai fini degli sgravi.
  10. Fattore scelta: la personalizzazione dell’abitazione da ristrutturare è innegabile. Spesso le abitazioni nuove hanno delle metrature degli ambienti (soprattutto camerette) risicate e ai limiti di quanto previsto dalla legge. Acquistare su carta dal costruttore o ristrutturare permettono una maggiore personalizzazione degli spazi.

Che Tu decida per una casa nuova o da ristrutturare, è consigliabile la classica tabella dei pro e contro, su cui imprimere a caratteri cubitale il budget massimo. Aspetto non trascurabile è anche la necessità o meno di alternative in cui vivere, nel corso dei lavori e infine, non dimenticare una lettura al post dove parla delle 10 astuzie per scoprire se quella può essere veramente la casa Dolce Casa dei Tuoi sogni.

Trovi utile questo articolo? Hai dei consigli, astuzie da darci?