Una famiglia in progress tra storie di cucina, risparmio e vacanze low budget

The LEGO® Movie 2: una nuova avventura

I LEGO® tornano al cinema con un nuovo film di animazione dedicato ai bambini. Diretto da Mike Mitchell, con la partecipazione di stelle del calibro di Chris Pratt, Alison Brie, Claudio Santamaria (etc.), The Lego Movie 2: la nuova avventura mescola divertimento, colore e messaggi che arrivano dritti al cuore dei più piccoli.
106 minuti prodotti dalla Warner Bros che scorrono velocemente tra un sorriso ed una riflessione, con la constatazione che il conflitto con il sistema sorellare, abitato dai cattivissimi della Lego Duplo, plasma in realtà la classica diatriba tra fratello e sorella. Insomma, crescere non significa diventare duri e senza cuore. Crescere significa anche imparare a donarlo, come il Finn di oggi che, a pochi secondi dal THE END, ri-costruisce il cuore di lego Duplo che aveva donato alla Bianca di allora. Perché “insieme è più meraviglioso“.

Durata: 106 minuti
Età: direi dai 5 anni in poi
Personaggi principali: Emmet, Lucy e Batman
Consigliato per: bimbi e bimbe.
All’interno del film troviamo il conflitto fratello sorella cristallizzato anche attraverso l’uso dei set Lego Friends che rendono la storia adatta sia ai bimbi che alle bimbe.

Trama: Emmet, l’eroe del Lego Movie 1, ed i suoi amici di Bricksburg tornano al cinema per difendersi da un nuovo attacco, quello sferrato dai temibili Lego Duplo.
Ma com’è possibile che i set dedicati ai più piccoli siano capaci di distruggere la città così velocissimamente?!? Infatti, non tutto è come sembra!
Sul filo della storia inventata da Finn (il fratello) e Bianca (la sorella), Emmet, Lucy e Batman si ritroveranno a combattere una guerra che in realtà nessuno vuole.
Infatti, lo stesso Emmet che dovrà mostrare alla sua comunità di essere in grado di salvare gli amici rapiti, assieme a Lucy scoprirà che nel pianeta sorellare in realtà sembrano tutti più felici. E tutti significa veramente tutti, persino un Superman poco virilmente glitterato.
Dolcissimo il solito Batman egocentrico e solitario che trova l’amore della sua vita con la Regina Wello Ke Wuoglio. Un finale felice è previsto anche per coppia Emmet e Lucy.
Così, in una commistione tra vita reale e vita inventata, la trama si svolge frenetica tra avventure e battute, a cui prendono parte dai vecchissimi personaggi Lego ai nuovi set.

Perché portare i bambini a vedere The Lego Movie 2? Perché aldilà del mondo Lego che piace a tutti i bambini. Oltre alla qualità delle immagini e alla maestria dei costruttori. Il finale trasmette sempre un messaggio o forse di più.
E qui si tratta di messaggi importanti di amicizia, amore e fratellanza che i più piccoli colgono e conservano per farne tesoro.
Il film infatti prende proprio l’avvio dal rapporto reale tra il fratello e la sorella, per poi sfociare in conflitto e arrivare alla conclusione che assieme è possibile giocare e divertirsi. Appunto: diventare grandi non significa diventare duri, così come comprende anche ad Emmet.

Considerazioni
The Lego Movie 2 esce nelle sale dopo 5 anni dal primo Lego Movie e le novità sono svariate.
1) Phil Lord e Chis Miller non dirigono il sequel che hanno lasciato nelle mani di Mitchell dei Trolls, poiché impegnati in altri progetti.
2) Il cartone si scosta dal primo per la tipologia dei conflitti. Se nel Lego Movie 1 il conflitto era tra padre e figlio, oggi invece a discutere, riflettere e riappacificarsi sono il fratello e la sorella.
4) Importante è anche il conflitto personale di Emmet parallelo a quello di Finn.
5) Sorprendente la capacità di trasmettere sensazioni ed emozioni che portano lo spettatore in un mondo Lego sensibile e tangibile anche dai più piccoli, di converso però alcune battute possono essere colte solo dallo spettatore più grande.

Consigliamo la visione del film ai più piccoli? Sì. Le immagini non sono aggressive. I messaggi trasmessi sono importanti. I personaggi sono quelli amati dai più piccoli e ci sono tutti, inclusi Superman e Robin. La trama mantiene alto l’interesse fino al THE END.