Una famiglia in progress tra storie di cucina, risparmio e vacanze low budget

Come testare prodotti gratis

Come testare prodotti gratis?
Esitono delle vere e proprie campagne di ricerca di mamme tester? Cosa significa testare un prodotto per un’azienda? Cosa potrebbero chiedermi? Devo pagare qualcosa? Queste sono le domande più frequenti quando si parla di campagne di marketing partecipativo.

Chiariamo alcuni aspetti: 1) le Aziende non sono così magnanime da regalare prodotti come se non ci fosse un domani. 2) Le ricerche di tester vengono lanciate con uno scopo preciso: far parlare di quel prodotto.

Si tratta quindi di vere e proprie campagne di marketing partecipativo.

Lo scopo è duplice: da un lato creano il chiacchiericcio che “promuove”. Dall’altro l’Azienda ha gli strumenti per comprendere pregi e difetti di un prodotto X appena lanciato.
Diciamo anche che ricevere un prodotto in omaggio attraverso le varie piattaforme, implica una serie di attività di base da svolgere. Ognuna di queste deve essere messa in atto con serietà e precisione. Al bando furberie varie (come il rivendere i prodotti o non distribuire i campioni omaggio).

Come iniziare a testare prodotti? Esistono delle piattaforme apposite che al lancio di un nuovo prodotto, prevedono dei kit prova da inviare ai lettori.

Cosa devo fare per testare dei prodotti gratis? Sicuramente iscriverti su queste piattaforme e richiedere l’invio della newsletter, attraverso cui rimanere aggiornati circa il lancio di nuove campagne.

Cosa significa testare prodotti? L’Azienda in cambio del test può richiedere varie operazioni che vanno dalla recensione sul loro sito, fino al parlarne in gruppi, forum, etc. Testare un prodotto significa utilizzarlo, comprenderne pregi e difetti e riportare la propria esperienza affinché se ne possano comprendere anche gli elementi di miglioramento.

Cosa occorre per candidarsi? Hai assolutamente bisogno di un pc, una connessione, tempo a disposizione, amici a cui parlarne e dei profili social attivi.

Perché si viene scelti? La scelta dei destinatari dei kit non è casuale. Avviene attraverso un processo di profilazione.

Cos’è la profilazione? Si tratta di domande specifiche sulle abitudini personali o della famiglia ed eventualmente domande per comprendere la conoscenza che si ha del marchio da testare.

Quali sono le piattaforme a cui posso iscrivermi?

  • Per la detergenza casa e personale consiglio la sezione “Club dei Desideri” del sito Desideri Magazine dove spesso vengono cercate ambasciatrici di prodotto per marchi come Dash, Lenor, Swiffer, Braun, etc. Inoltre, è presente una sezione dedicata ai buoni sconto, dove puoi stamparli e utilizzarli per i tuoi acquisti.
  • TRND: è un’altra piattaforma di marketing collaborativo, dove in base alla tipologia del prodotto da testare, possono richiedere o meno un contributo economico, legato al valore del prodotto (capita con la tecnologia di livello). Come per Desideri Magazine, anche questa piattaforma invia un kit per la tester e una serie di campioni prova da consegnare ad amici, parenti e conoscenti. Durante le fasi di test devono essere svolte delle attività specifiche: invio report, opinioni, fotografie, etc.
  • The Insider: è una piattaforma parallela a TRND. Funziona nello stesso modo.
  • Al Femminile: si tratta di un magazine rosa che ha sezione specifica chiamata “Provato da Voi” e dove potersi candidare per prove prodotto non solo nel settore beauty, ma anche casalinghi, abbigliamento, etc.
  • Detto fra Noi: è il sito Unilever dedicato alle informazioni che piacciono a noi Mamme e che contiene una sezione buoni sconto ed una dedicata alle prove prodotto.
  • Inoltre, non dimenticare la piattaforma Philips dedicata al lancio di nuovi prodotti tecnologici e alla scelta dei Tester.
  • La piattaforma MammacheTest, di Fattore Mamma, ricerca spesso mamme tester per prodotti del settore baby (dai passeggini ai biberon, passando per prodotti alimentari).
  • ReviewClub è una piattaforma nuova che cerca tester soprattutto per il settore elettronica, ma anche baby. La caratteristica è che il prodotto è concesso in uso per 15 giorni, terminati i quali potrebbero proporre l’acquisto del prodotto a prezzi davvero interessanti.

Leggi anche l’articolo dedicato a “come aprire un sito di recensioni” a cura di Passioni e Recensioni.