Una famiglia in progress tra storie di cucina, risparmio e vacanze low budget
Alghero

Alghero: cosa fare in un giorno

Visitare Alghero in un giorno? Sì, è fattibile. Siamo nella costa nord-occidentale della Sardegna, dove le spiagge delle Bombarde o del lazzaretto sono tra le più visitate, come le Grotte di Nettuno a cui si arriva via mare dal porto turistico o percorrendo 654 gradini a picco sul mare. Qui l’aragosta alla catalana è il piatto più ordinato nei ristoranti.

Siamo partiti da Cabras, percorrendo la provinciale che costeggia il mare e facendo tappa a Bosa per poi arrivare nella città catalana. Il percorso suggestivo a picco sul mare regala scenari da sogno, ma è adatto a chi non soffre il mal d’auto a causa delle continue curve.

Dove si trova Alghero? Siamo in provincia di Sassari, nella costa nord occidentale e si presenta agli occhi del visitatore con un fascino unico che permette di capire immediatamente perché viene chiamata Barcelloneta, ovvero la piccola Barcellona.
Caratteristica città che si affaccia sul mare, con i suoi viottolini stretti e affascinanti, dove passeggiare con il naso all’insù alla scoperta di Cattedrali, Chiese, torri, palazzi d’epoca e mura Spagnole Alghero è nota non solo per le innumerevoli opportunità che offre ai turisti in termini di attrazioni, ma anche per la vita notturna amata dai più giovani. Ma andiamo con ordine.

Arriviamo ad Alghero e cosa facciamo?

Dove parcheggiare? Fronte porto turistico è presente un ampio parcheggio gratuito nei giorni festivi. Questa posizione dista 500 metri dai Bastioni Spagnoli. Sarà sufficiente attraversare la strada per raggiungere le mura spagnole che custodiscono la città.

Cosa fare ad Alghero in una giornata?

  • Un giro nel Trenino Catalano per una visita guidata in italiano che permetta di coprire la storia dei punti nevralgici della città. Questo rappresenta il sistema più utile ed economico per orientarsi e permettere ai bambini una gita con un mezzo che li diverte sempre.
  • Torri, Bastioni Spagnoli e Piazza Sulis lungo i quali passeggiare e dove scoprire i tanti ristorantini che si affacciano sul mare.
  • La Cattedrale di Santa Maria.
  • Grotte di Nettuno: dal porto turistico, posizionato vicino al parcheggio partono i battelli in direzione Grotte di Nettuno. Nei periodi di maggiore afflusso, i battelli potrebbero risultare eccessivamente affollati, perciò consiglio di valutare orari (non caldissimi) e giornate in cui effettuare le escursioni. Fondamentale è il mare calmo. Le grotte rientrano nel territorio di Capo Caccia, una delle aree protette della Sardegna, ed è possibile raggiungerle via terra con la famosa scalinata da 654 gradini oppure via mare. Le tariffe in foto sono riferite all’estate 2016.
  • Escursione in mare alla scoperta dei delfini: è possibile effettuare delle visita alla scoperta dei delfini. Non è detto che si riescano ad intravedere, ma è comunque una bella esperienza che permette di vedere la costa di Alghero dal mare. All’interno delle imbarcazioni spesso sono presenti binocoli per godersi lo spettacolo. Le agenzie che vendono questo servizio sono svariate. Il punto di ritrovo per i passeggeri è la Banchina Rafael Catardi dove è possibile acquistare i biglietti. In genere questa escursione ha un costo e una durata inferiore rispetto alla visita alle Grotte. Direi che per famiglie numerose con budget limitato può rappresentare un’opzione interessante.
  • … e infine in spiaggia! Le Bombarde è sicuramente la spiaggia più bella tra quelle della Costa del Corallo. L’acqua è limpida e fresca. La sabbia bianca e la spiaggia super affollata, dove qualche volta è complicato trovare anche un angolino per un telo. Senza ombra di dubbio Le Bombarde  è uno spiaggione in parte libero, a dimensione famiglia, grazie anche alla presenza di chioschi con servizio in spiaggia. Il parcheggio è a pagamento (circa 1 euro l’ora) ed è situato fronte spiaggia. Dietro la spiaggia è presente una pineta.

Buono a sapersi:

  • ad Alghero è presente un aeroporto (Fertilia) collegato a svariate città italiane anche da compagnie low cost.
  • Per i bambini è presente un Aquarium tappa fissa per le scolaresche sarde in gita. Prima di visitarlo, consiglio di leggere qualche feedback.
  • Puoi noleggiare le biciclette davanti alle banchine del porto (CicloExpress).
  • Sono disponibili anche tour con autobus scoperti.
  • Immancabile l’assaggio della famosa aragosta alla catalana, piatto tipico del luogo.
  • Irrinunciabile la visita alle Botteghe del Corallo, dove poter acquistare regalini anche a pochi euro.  
  • Da Alghero, consiglio una visita a Bosa. Sei mai stata/o ad Alghero?

Desideri consigliarci luoghi, ristoranti o locali per la prossima gita in questa splendida città?!?

Stai programmando una vacanza in Sardegna? Scopri come risparmiare sui traghetti sfruttando le mie astuzie e leggi tutti i post dedicati alle vacanze in Sardegna.