Una famiglia in progress tra storie di cucina, risparmio e vacanze low budget

Anellini alla pecorara

Segnati la ricetta degli anellini alla pecorara perché merita. Merita davvero! Questo è uno dei primi piatti tipici della tradizione culinaria abruzzese a cui tengo per la maggiore. Saporita e succulenta, con quel sugo a base di verdure, con la ricotta di pecora che deve abbondare, questa tipologia di pasta ha le sue origini nella cultura agropastorale della regione verde d’Abruzzo. La ricetta per realizzarli è custodita nella memoria di tutte le nonne d’Abruzzo e nell’agenda delle nipoti.

Preparare la ricetta degli anellini alla pecorara partendo dalla pasta fresca è abbastanza facile. Potete farvi aiutare anche dai bambini! Mattia se ne diletta da quando aveva 4 anni e da allora i suoi anellini sono più belli di quelli della mamma!

Se però non avete tempo o modo di preparare la pasta in casa, per gustarli più spesso sarà sufficiente comprarne una confezione preparata in quel di Elice, nel rinomato pastificio, punto di riferimento per chi ama la cucina del luogo.

Ed è appunto Elice il principale luogo d’origine che ha dato i natali anche all’ottima pasta alla mugnaia, succulentemente affondata in quel sugo che bombarda magliette e camicette, ma di cui è impossibile non fare il bis.

Inoltre, come detto, gli anellini alla pecorara non richiedono particolari accorgimenti, se non un pizzico di pazienza nella preparazione. Ma andiamo per gradi e scopriamone gli ingredienti semplici della pasta e quelli del sugo dove devono affondare.

Occorrente:

  • spianatoia
  • coltello
  • eventualmente potreste impastare utilizzando l’impastatrice

Consigli:

  • Sul profilo Instagram del blog trovate un tutorial completo di Mattia con i passaggi per realizzare gli anellini. Consiglio di fare dei cordoncini più sottili.
  • Potete preparare una quantità maggiore di pasta e conservarla in congelatore, distesa sopra un vassoio. Una volta congelata potete trasferire dentro un sacchettino gelo.

Ingredienti per realizzare gli anellini di pasta fresca per 2 persone:

  • 100 g di semola
  • 100 g di farina 0
  • 2 uova
  • eventuale acqua tiepida qb
  • farina qb per lavorare gli anellini

Procedura:

  • sopra una spianatoia, creare una fontana con semola e farina.
  • Sistema al centro le uova e iniziare ad amalgamare il tutto unendo la farina, gradualmente, in senso circolare.
  • Lavorare fino ad ottenere un panetto liscio.
  • Se l’impasto risulta troppo asciutto, man mano che si incorpora la farina, unire un goccio d’acqua.
  • Far riposare la pasta per circa 15 minuti, coperta con un canovaccio pulito.
  • Prelevare una piccola porzione di pasta e stenderla in cordoncini sottili.
  • Tagliare ad una lunghezza di circa 3 dita.
  • Ogni mini cordoncino andrà girato tra le dita e chiuso ad anello.
  • Sistemare gli anellini sopra un vassoio, spargendo con cura della farina.

Ingredienti per sugo alla pecorara:

Creare dei cordoni lunghi, tagliare ad una lunghezza di 3 dita e chiudere con la pressione delle dita.
  • una zucchina
  • una melanzana piccola
  • mezzo peperone
  • una carota
  • mezza cipolla
  • basilico fresco o sottolio
  • un barattolo di passata di pomodoro di qualità
  • 100 g di ricotta di pecora
  • pecorino grattugiato qb
  • olio evo e sale

Procedura:

  • Preparare un soffritto a base di carota e cipolla usarne solo la metà, quindi 1/4), a cui aggiungere eventualmente del sedano.
  • Tagliare a cubetti: melanzana, zucchina ed il peperone.
  • Aggiungere le verdure al soffritto che sfrigola in olio evo abbondante e portare a cottura.
  • Nel frattempo, in una casseruola antiaderente soffriggere la restante cipolla, aggiungere la passata di pomodoro e mezzo barattolo di acqua. Salare, unire il basilico e far cuocere a fiamma medio bassa.
  • Spegnere la fiamma delle verdure e del sugo una volta pronti.
  • Cuocere la pasta in abbondante acqua bollente, a cui unire un goccio dolio.
  • Scolare al dente e ultimare la cottura in padella, aggiungendo prima il sugo, poi le verdure.
  • Servire spolverata di pecorino e con una buona dose di ricotta che potete passare allo schiacciapatate.
  • Gustare accompagnata da un buon Montepulciano.
CLICCA E
SCOPRI LE RICETTE DABRUZZO

Insomma, questo Abruzzo ti piace?!?