Una mamma ed un bimbo tra storie di vita, di creatività e pillole di diritto.
come nasce un temporale

Come nasce un temporale

Mamma, come nasce un temporale? Insomma, com’è che arrivano le nuvole e poi inizia a piovere? E a nevicare? E a grandinare? Perché scendono i fulmini? Perché qualche volta l’acqua è sporca che sembra quasi sabbia del deserto? Insomma, mamma secondo te quelle nuvole grigie hanno intenzione di esplodere in tuoni, fulmini e saette? Possiamo scoprirlo con un esperimento scientifico semplice semplice?

Quante volte vi hanno chiesto come nasce una nuvola? I bimbi sono così: curiosi. Curiosi di una curiosità sconfinata, per la quale ci deve essere un perché del perché del perché su tutto. Ma proprio tutto. E qualche volta capita che tra mille pensieri ed impegni, non si riesca nemmeno a rispondere come loro vorrebbero.

E allora se avete del tempo da dedicare a lavoretti creativi, a piccoli esperimenti scientifici, eccone alcuni per capire la consistenza di una nuvola e per simulare un acquazzone. Attenzione: tutti questi esperiementi richiedono la presenza di un adulto.

Esperimento n. 1: come fare la nuvoletta della pioggia

  • un vaso dalla bocca larga
  • schiuma da barba
  • colorante blu
  • una siringa senza ago
  • un bicchiere
  • acqua fredda qb

Svolgimento:

  • Riempire il vaso d’acqua.
  • Creare una nuvola di schiuma da barba sulla cima.
  • Riempire la siringa di una soluzione di acqua colorata di blu.
  • Inserire la siringa nella schiuma da barba e premere lo stantuffo lentamente.
  • Osservare cosa accade.

Osservazione: questo esperimento è adatto per far comprendere la consistenza di una nuvola e come dalla stessa nasca la pioggia. La parte più interessante è permettere ai bambini di osservare e sviluppare curiosità, domande e considerazioni su questo argomento.


Esperimento n. 2: come nasce un acquazzone

  • un vaso di vetro dalla bocca larga
  • un piatto sottile
  • acqua bollente
  • ghiaccio
  • degli spessori (bastoncini di legno o matite)

Svolgimento:

  • Riempi il vaso con dell’acqua calda, ma non a temperatura eccessiva.
  • Sistema due bastoncini sopra la bocca del vaso.
  • Sistemare il ghiaccio sopra il piatto e adagiare il tutto sopra i bastoncini.

Osservazione

  • Cosa emerge da questo esperimento? L’incontro dell’aria calda che esce dal vaso, con l’aria fredda del ghiaccio crea delle goccioline che simulano la pioggia.
  • Vuoi ottenere qualcosa in più? Prendi la la lacca della nonna. Sistema il vaso sopra una superficie piana, aggiungi l’acqua calda, spruzza la lacca all’interno e chiudi immediatamente con il piattino colmo di ghiaccio. Attendi qualche secondo, togli il piatto e vedrai la nuvola volare via.

Come spiegare il ciclo dell’acqua ai bambini? Proviamo creando con loro un disegno.

Occorrente:

  • fantasia,
  • un disco realizzato con una fodera vecchia per libri o quaderni,
  • un bottoncino con clip o similari per creare l’effetto ruota.

Come costruire una nuvoletta?! Con il cotone ed il cartone! Aggiungendo delle lucine a batteria, possiamo trasformarla in una luce per la notte. Scopri come.