Una famiglia in progress tra storie di cucina, risparmio e vacanze low budget

Sagne e Ceci

Quante volte ho visto la vicina intenta a fare “Li tajarill” ammassati in casa e poi cucinati con “li fasciule“.
Sull’onda dei ricordi, oggi li propongo sotto forma di Sagne e Ceci, una ricetta che in casa viene apprezzata tantissimo.
E’ uno di quei primi piatti contadini, nutrienti e saporiti che porti sulla tavola di casa con poca spesa ed un’ottima resa. La ricetta è tipica dell’Abruzzo, regione che ormai da 10 anni mi ospita.
La preparazione della pasta richiede un po di riposo, ma se come me non avete poi così tanto tempo, mentre sul fornello borbottano le altre pentole, potete ammassare la semola con l’acqua per poi completare il piatto. Inoltre, in base ai gusti, potete realizzare un piatto con più o meno brodo.

Ingredienti per 2 persone

Sagne:

  • semola di grano duro
  • acqua tiepida q.b.

Per due persone impastare circa 200 g di farina, oppure impastarne una quantità maggiore da conservare in freezer.

Piatto completo:

  • 250 g di ceci lessati
  • 1 patata piccola
  • 1/2 cipolla
  • 1 spicchio d’aglio
  • rosmarino
  • olio, sale, acqua q.b.

La patata rende la preparazione più cremosa, in alternativa è sufficiente schiacciare qualche cucchiaio di ceci ed il risultato sarà identico.

Prepariamo la pasta con un certo anticipo, poiché deve riposare per qualche minuto.
Su una spianatoi impastare la semola con l’acqua calma, aggiungendola a filo fino ad ottenere un impasto liscio e omogeneo, non appiccicoso.
Far riposare l’impasto per circa 30 minuti, sotto un canovaccio pulito.
Riprendere la pasta e stenderla con l’aiuto di un mattarello.
Ricavare delle strisce da circa 2 cm di larghezza che andranno ritagliate in rettangolini di 1 cm circa e infarinate bene affinché non si attacchino tra di loro.
In alternativa potete usare la macchina per pasta, ricavare delle tagliatelle e trasformarle in sagne man mano che le tagliatelle vengono ritagliate.

Prepariamo il piatto: a questo punto prendere una pentola di terracotta o una capiente padella, distribuire un fondo d’olio, la cipolla tritata, l’aglio privato dell’anima e un rametto di rosmarino.
Far sfrigolare e aggiungere i ceci, eventualmente la patata tagliata a cubettini e 2 bicchieri di acqua. Portare a ebollizione e cuocere per circa 15 minuti.
Nel frattempo mettere a bollire una capiente pentola d’acqua.
Raggiunto il punto ebollizione: salare, aggiungere un filo d’olio e buttare la pasta. Scolare appena risalgono in superficie e aggiungere alla minestra di ceci, dove dovrà ultimare la cottura.

Le nostre sagne e ceci sono pronte. Servire il piatto caldo. Buon appetito!

Avete notato chi ha rubacchiato il posto della Mamma?!?