Una famiglia in progress tra storie di cucina, risparmio e vacanze low budget

Frutta Secca sotto Liquore

Non è Natale se nella dispensa di casa non ho qualche barattolo di frutta sotto spirito homemade.
Si… sono una golosona e amo tutto ciò che è tradizione anche sulla tavola, amo la frutta sotto spirito! Sarà mica colpa di Nonno Jolly che per farmi smettere di piangere per le colichette mi ha avvicinato al naso qualche goccia di acqua vite?!? Può essere…

12331799_867703213298643_1258683729_n

Sta di fatto che ogni anno scelgo l’uva e le ciliegie migliori da mettere in barattolo. Nella stagione passata, malgrado ci siano state scorpacciate dell’una e dell’altra al livello di averle nauseate, non sono riuscita organizzare la scorta per l’inverno. Così, mentre aspettavo il mio turno al reparto salumeria del Super, l’occhio è andato su un pacchetto di uva sultanina, un po piccina, ma sempre buona!
Mi è venuto in mente quando da ragazzina, osservavo Mamma mentre usava prepararne alcuni barattoli, da conservare in dispensa per poi essere offerti agli ospiti. Sceglieva sempre l’uva sultanina più grande e la metteva in ammollo per qualche giorno, per farla rinvenire.
Osservando quella bustina ho visualizzato alcune bottiglie di liquore che giacciono inermi nella dispensa/bar da anni, perché mentre Lei usava l’alcool puro, io per realizzarla uso i fondi della dispensa.
Si sa, i liquori non scadono, ma anche tenerli a prendere polvere per anni è uno spreco. Mettiamoci poi che il consumo post cena è andato di gran lunga scemando da parte degli ospiti, anche per il timore dei controlli stradali al rientro a casa, perciò mi son detta… facciamo pulizia!!!
Ed ecco cosa ho realizzato…

20151202_123140.jpg

Ingredienti

  • filu e ferru o acqua vite o rum
  • uva sultanina q.b.
  • cannella o chiodi di garofano
  • buccia d’arancia non trattata
  • 1 cucchiaio colmo di zucchero di canna a vasetto

Puoi decidere di mettere in ammollo la sultanina fino a che non rinviene totalmente oppure metterla in ammollo per circa 2 ore. Personalmente, opto per l’opzione “qualche ora” in modo che l’uva non si impregni eccessivamente di acqua, anche in considerazione del fatto che non uso alcool puro.

Taglio la buccia dell’arancia e rimuovo la parte bianca che rischia di rendere amara la preparazione. Una volta aver scolato l’uva, la asciugo con un canovaccio pulito e la ripongo nei barattoli, senza fare pressione, poiché con il tempo il suo volume raddoppierà. Aggiungo una spruzzata di cannella in polvere ad ogni strato, la buccia di arancia e un cucchiaio di zucchero. Ad ultimo riempio con il filu e ferru.

Chiudo il barattolo e lo ripongo in dispensa per un mese e quindi fino a Natale!! 😉

20151202_151409.jpg

La spesa? Irrisoria!!! Liquore, arancia, cannella e zucchero sono “riciclati” in quanto già presenti a casa. Una confezione di uva sultanina di qualità l’ho pagata € 0,89. Se riuscite a trovarla di dimensioni più grandi, acquistatela e fateci un pensierino su anche sull’idea di realizzare vasetti da omaggiare agli amici e perché non piccoli segna posto per la notte della Vigilia?

safe_image (3)

Con la stessa procedura possiamo preparare anche i mirtilli o qualsiasi altra frutta.

image

Vi piace la frutta sotto spirito? A me troppissimo e se Ti va, leggi la ricetta del Liquore alla Liquirizia (altra bontà!!) CLICCANDO QUA!!! 🙂