Una famiglia in progress tra storie di cucina, risparmio e vacanze low budget

Come pulire il ferro da stiro

Ci casco ogni volta! Il ferro da stiro si intasa, stira sputando fanghiglia che macchia i capi, mi sobbarco il lavoraccio di ripulirlo e mi riprometto di usare solo acqua distillata.
Poi la buona condotta viene meno e rinizio ad utilizzare l’acqua del rubinetto e non svuoto il serbatoio a fine lavoro.
Risultato? Ferro da stiro intasato nel giro di qualche settimana.
Allora, come spurgare il serbatoio dell’acqua? Premesso che il fornitore specifica sempre che la pulizia del serbatoio non deve essere fatta con sistemi casalinghi, è opportuno valutare quanto e come siamo certi di non creare danni.
Ponderata la situazione, per spurgare il ferro da stiro o la caldaia possiamo procedere così:

  • riempire il serbatoio d’acqua e aggiungere 1 cucchiaio di aceto, lasciare agire 10 minuti;
  • scaldare il ferro da stiro in un ambiente esterno, rivolgerlo lontano da cose e persone e portarlo a temperatura;
  • con il tasto vapore vuotare l’intero serbatoio, premendo il bottone a fasi alterne, permettendo la fuoriuscita di calcare;
  • ripetere l’operazione una seconda volta;
  • ripetere l’operazione senza aggiunta di aceto.

Consigli:

  • qualcuno ritiene che le quantità di aceto ed acqua debbano essere pari, personalmente ho sempre utilizzato un cucchiaio di aceto con buoni risultati;
  • i danni causati dalla pulizia del serbatoio non rientrano in garanzia, pertanto prima di cimentarvi con metodi casalinghi, ponderate la situazione poiché in base al valore dell’oggetto e alla tecnologia dello stesso, potrebbe essere opportuno rivolgersi ad un tecnico;
  • non spaventatevi in caso di fuoriuscita di quantità enormi di sporco e soprattutto se alla seconda operazione ancora non riuscite ad ottenere risultati. L’aceto potrebbe aver smosso un fondale di sporcizia situato nella caldaia e fino a che l’acqua non uscirà pulita, è bene proseguire;
  • vuotare il serbatoio alla fine di ogni lavoro.

Pulizia della piastra: la fuoriuscita di calcare può provocare l’otturazione parziale o totale dei fori situati nella piastra, perciò

  • lasciar intiepidire il ferro da stiro e pulire, con la massima accortezza, utilizzando un panno imbevuto con acqua e bicarbonato;

E se ho stirato il maglioncino e la piastra si è bruciata?

  • Niente spugne abrasive.
  • Semplicemente olio di gomito e un limone tagliato a metà  strofinato energicamente.
  • Se anche in questo caso non si riesce a pulire, distribuire sulla piastra un impasto di acqua e bicarbonato, accendere il ferro da stiro al minimo e strofinarlo energicamente su una busta di carta tipo panetteria, utilizzando il bordo dell’asse come punto di pressione. 
  • in alternativa potete utilizzare la pasta dentifricia che lucida e rimuove lo sporco attraverso l’uso di un vecchio spazzolino. Importante è aver cura di rimuovere i residui di dentifricio dai fori di uscita del vapore. Prima di riporlo nell’armadio fate un’ulteriore spurgo con il vapore.

Come evitare che il ferro si intasi di nuovo?

  • Usare esclusivamente la tipologia di acqua consigliata dal produttore (in genere acqua demineralizzata).
  • Evitare l’uso di acqua dell’ asciugatrice, poiché spesso contiene residui di ammorbidente e detersivi.
  • Rimuovere l’acqua sempre e comunque, a fine utilizzo.

La pulizia del ferro da stiro non è mai coperta da garanzia, ma per maggiore sicurezza contatta il produttore.

Hai altri consigli per la manutenzione del ferro da stiro?