Una mamma ed un bimbo tra storie di vita, di creatività e pillole di diritto.
Grotte di Nettuno visita

Grotte di Nettuno: come arrivare

Visitare le Grotte di Nettuno (Coves de Neptù) a circa 24 km dalla bellissima Alghero è sempre un’esperienza unica che affascina grandi e bambini. Siamo nel Nord della Sardegna, nella costa occidentale, e decidiamo di visitare questo luogo via mare e non percorrendo ognuno di quei 656 gradini della Escala del Cabirol (la Scala del Capriolo). Situate ai piedi del promontorio dell’Area Marina Protetta di Capo Caccia, queste cavità naturali sono considerate tra le grotte più belle del mondo.

Perché andarci? Siediti e chiudi gli occhi. Qui è dove l’azzurro del cielo terso si mescola alle tonalità del blu, tra la roccia frastagliata e la natura incontaminata e battuta dai fortissimi maestrali che ne plasma le chiome, senza spezzarle. Ed è qui che la natura incontaminata convive con il sole ed il sale che si mescola all’altissima parete a strapiombo, levigata pazientemente dal mare e dai venti impetuosi che scompigliano animo e capelli.

Questa è un’oasi che se durante il lungo inverno chiudi gli occhi, ti riporta alla memoria quel profumo di mare, di sole e di relax che fa bene al cuore e all’umore!

E sì, questa cavità marina è un tesoro nascosto da uno scrigno speciale: l’immensità della roccia che puoi vivere gradino per gradino, fino al 656simo, mentre raggiungi il mare dai colori critallini con un animo in pace con il mondo. Oppure è qui che arrivi dal mare, completamente assorto dalla maestosità di un muraglione di roccia imponente che ti lascia inerme davanti alla potenza della natura.

Dove siamo di preciso? Come detto, ci troviamo nel cuore dell’ Area Marina Protetta di Capo Caccia. Siamo nel territorio di Alghero, in provincia di Sassari, nella costa nord occidentale.

Perché andare alle Grotte di Nettuno?

Perché è una delle cavità marine più importanti d’Europa. Il percorso visitabile è lungo circa 600 metri, mentre la lunghezza complessiva delle grotte è di circa 4 km. La visita dura circa 30 minuti durante il quale si segue una fila indiana, ascoltando le indicazioni che la guida trasmette tramite le casse posizionate in più punti, pertanto chi è in coda non vede ciò che ammira chi è all’inizio della fila. Comunque, la vista alle grotte omaggia di un turbinio di emozioni tra stallatiti e stallagmiti di cui l’Acquasantiera è tra le più affascinanti. Ti ritroverai a svirgolare tra il Lago Lamarmora (acqua salata), con il naso all’insù e la bocca aperta, tra la Sala delle Rovine fino alla Reggia, la spiaggia dei Ciottolini fino alla sala Smith. Una parte del percorso non è visibile al pubblico.

Come raggiungere le Grotte di Nettuno?

  • Via mare, come abbiamo fatto noi, tramite imbarcazioni adibite al trasporto di persona, al costo di circa 15 euro ad adulto e 7 euro per i bambini, andata e ritorno. Scontato dire che il servizio è attivo solo in buone condizioni meteo. Con un pizzico di fortuna si riescono ammirare i delfini che danzano tra un’onda e l’altra. Questa scelta la consiglio soprattutto in presenza di bambini ed anziani, sia per la bellezza della costa che per la comodità di raggiungere la destinazione comodamente seduti davanti ad un grande finestrino. Il punto di ritrovo per i passeggeri è la Banchina Rafael Catardi.
  • Via terra tramite il piazzale Capo Caccia, percorrendo tutti i 656 gradini dell’Escala del Cabirol, la Scala del Capriolo, e la fatica non è tanto in discesa, quanto in risalita, anche se sarà difficile non sostare ogni rampa per godere di uno scorcio diverso, pensando che lo spettacolo di cui si gode vale ognuno di essi..

Quanto costa la visita alle Grotte di Nettuno?

Intero: € 14,00

Ridotto: € 10,00 (OVER 65 | residenti ad Alghero | bambini dai 7 ai 14 anni | gruppi prenotati min. 25 persone)

Scolaresche: €8,00 (min. 15 alunni scuole dell’infanzia, primarie, medie e superiori)

Gratuito: portatori di handicap + 1 accompagnatore, bambini di età inferiore ai 7 anni, docenti in accompagnamento scolaresche, guide turistiche in accompagnamento a gruppi, docenti universitari e ricercatori universitari

Le grotte sono aperte dalle 9 alle 17. Il biglietto per il transfer alle grotte in motonave NON include l’ingresso alle grotte. A chi raggiunge le grotte a piedi, consiglio di prenotare l’ingresso online per evitare ressa in caso di arrivo contestuale delle motonavi.

Come vestirsi per la visita?

  • Calzature antiscivolo e abbigliamento in linea con il periodo.
  • Il passeggino è inutilizzabile poiché il percorso prevede scalini, tratti con percorsi stretti e bassi.

Buono a sapersi:

  • ad Alghero è presente un aeroporto (Fertilia) collegato a svariate città italiane anche da compagnie low cost.
  • Per i bambini è presente un Aquarium tappa fissa per le scolaresche sarde in gita. Prima di visitarlo, consiglio di leggere qualche feedback.
  • Puoi noleggiare le biciclette davanti alle banchine del porto (CicloExpress).
  • Sono disponibili anche tour con autobus scoperti.
  • Immancabile l’assaggio della famosa aragosta alla catalana, piatto tipico del luogo.
  • Irrinunciabile la visita alle Botteghe del Corallo, dove poter acquistare regalini anche a pochi euro.
  • Da Alghero, consiglio una visita a Bosa. Sei mai stata/o ad Alghero?

Perché visitare Alghero? Questa cittadina marina si presenta agli occhi del visitatore con un fascino unico che permette di capire immediatamente perché venga chiamata Barcelloneta, ovvero la piccola Barcellona. Alghero si affaccia sul mare, con i suoi viottolini stretti e affascinanti, dove passeggiare con il naso all’insù alla scoperta di cattedrali, chiese, torri, palazzi d’epoca e mura spagnole. Parliamo di una città nota non solo per le innumerevoli opportunità che offre ai turisti in termini di attrazioni, ma anche per la vita notturna amata dai più giovani.

Come valuto il servizio transfer e visita alle grotte?

  • Sicuramente una bella esperienza anche per i bambini. Le motonavi sono pulite e hanno un bagno a disposizione della clientela. Il personale, però, non è sempre garbato.
  • Consiglio la visita alle Grotte di Nettuno? Sì, anche in presenza di bambini, direi dai 4/5 anni in poi (no infradito, meglio scarpine chiuse). Le Grotte sono maestose e la loro visita è un accrescimento culturale per tutti.
  • Consiglio la visita alle Grotte nei periodi di picco stagionale? No, poiché rispetto a visite guidate in altre zone meno conosciute, il servizio, la cortesia e le informazioni sia a bordo che nelle grotte è stato scarno e spesso seccato. Direi che la spesa è superiore di gran lunga alle aspettative. Se siete interessati ad una visita NON prettamente turistica, evitate i periodi di maggiore affluenza dove il back to back delle motonavi spazientisce anche il visitare.

Se desiderate visitare delle cavità naturali, consiglio vivamente le Grotte di Su Mannau dove la passione e la cura del personale si evince e colpisce il cuore.

Il presente articolo scaturisce da un’esperienza personale.