Una famiglia in progress tra storie di cucina, risparmio e vacanze low budget
BUSSI-SUL-TIRINO

Bussi sul Tirino: come arrivare, cosa fare, escursioni

Ieri il nostro paradiso all’improvviso era a Bussi sul Tirino, nella Valle del Tirino, in Abruzzo, nel Parco Nazionale del Gran Sasso e Monti della Laga. Ma dove si trova questo borgo attraversato dal fiume Tirino da cui prende il nome l’omonima valle? Cosa fare a Bussi con i bambini tra picnic nelle panche attrezzate, canoa ascoltando la musica della natura e slow rafting?

Dove si trova Bussi sul Tirino? Siamo in provincia di Pescara, a circa 50 km dalla provincia. Il borgo è situato all’interno del Parco nazionale del Gran Sasso e Monti della Laga, lungo le sponde del fiume Tirino considerato come uno dei più limpidi d’Abruzzo.

Qui è qui è dove il paesaggio si riflette sul fiume che scorre leggero tra mulini, giardini e case.

Dove puoi godere di colori unici, tra i sorrisi degli anziani del paese che salutano i “forestieri”, mentre prendono il fresco sotto i grandi alberi.
E qui è dove puoi goderti escursioni in canoa, slow rafting, escursioni in bicicletta e tanto altro a contatto diretto con una natura incontaminata.

Sì… qui c’è tutto questo e molto di più e questo è l’Abruzzo che io amo!!!

Perché venire qui?
No, non è Berna! Non siamo a Strasburgo. Non siamo ad Amsterdam e in nessun’altra città fluviale nascosta e sovraffollata, in chissà quale angolo d’Europa, dove lo slalom tra i turisti è 365 gg l’anno.
Siamo nel cuore dell’Abruzzo e ci siamo innamorati di questo luogo magico e silenzioso, dove l’unico “rumore” (parolone inadatto!!) è la musica del fiume che scorre e delle paperelle starnazzanti.
Siamo nella Valle del Tirino, dove è possibile vivere esperienze sensoriali uniche e adatte a tutta la famiglia.

Bussi sul Tirino è in provincia di Pescara e sì. Sì, questo è un paese family friendly come si usa dire ora ovvero dove i bimbi ci vivono, ci vengono e si divertono: come si usa dire da sempre!

Lungofiume di Bussi sul Tirino

Come siamo arrivati a Bussi sul Tirino? Abbiamo scoperto questo angolo spettacolare d’Abruzzo grazie al Presidente dell’Associazione Sardi in Abruzzo. Per raggiungere questo posto non abbiamo preso l’autostrada. Abbiamo viaggiato di paese in paese, fino a raggiungere quest’angolo di felicità, nella giornata della Festa del Patrono.

Come si presenta Bussi sul Tirino ai turisti? Abbiamo percorso quel ponticello di pietra, a senso unico alternato, che attraversa il Fiume Tirino, per parcheggiare davanti alla sede della Società Cooperativa Il Bosso, nonché Sede del Centro Visite sul Tirino, che cura l’area e organizza esperienze di vita che colpiscono il cuore indelebilmente.
Una volta parcheggiata l’auto abbiamo percorso il sentiero a piedi e siamo rimasti estasiati. 

Ho invidiato i giardini fronte fiume e quelle scalette che sfiorano l’acqua sul bordo dei giardini privati. Abbiamo apprezzato: panche e tavoli in ogni angolo e soprattutto pulizia e cura del luogo.

Abbiamo percorso tutto il tragitto fino ad un laghetto, dove la pace e il silenzio si mescolano al panorama colorato da piccole barchette ancorate sulle sponde.

Ed ecco che, quando mi ritrovo immersa in questi luoghi rifletto sul fatto che sempre più spesso cerchiamo paesi lontani, paradisi irraggiungibili in giro per il mondo e non conosciamo il Patrimonio del nostro Paese.

Capita anche che io senta dirmi: niente vacanze, pochi soldi, ferie in casa! Sì, ma che casa?!?
Insomma, abitare in Abruzzo è un plus valore. Stiamo parlando della Regione verde per eccellenza, di una Regione che tra cielo, montagna e mare permette esperienze uniche nel suo genere! C’è chi viene in vacanza da noi e noi che ci siamo ci dimentichiamo di scoprirla? Anche questa è vacanza! Sì, vedila come una vacanza low cost o low budget perché dietro l’angolo, qui a casa, c’è sempre un paradiso che Ti aspetta ed è pur sempre vacanza, ma alla scoperta dei luoghi nascosti dell’Abruzzo che colpisce il cuore e l’anima ed è più “vivibile” di Roma, Basilea o Strasburgo! Non dimenticarlo mai!

  • Come arrivare a Bussi? Il percorso più agevole per chi non conosce perfettamente l’Abruzzo è l’autostrada Roma-L’Aquila, per poi uscire a Bussi – Popoli – L’Aquila. Una volta usciti dall’autostrada, arrivare a destinazione è facilissimo: prendete la direzione Bussi e raggiungete il paese. Al secondo ingresso, girare a sinistra per ritrovarvi dopo qualche centinaia di metri nella piazzetta del luogo. Percorrete il ponticello di pietra e parcheggiate sotto gli alberi, al lato della sede della Cooperativa il Bosso. In alternativa, se partite da Pescara, potete raggiungere Bussi tramite la Tiburtina che passa anche per quel paese. Comunque, con google maps potete trovare qualsiasi indicazione stradale.
  • Cosa fare a Bussi? La cooperativa che gestisce l’area organizza attività alla scoperta del luogo, fino alla sorgente. Possiamo scegliere tra slow rafting, una cavalcata sulla Valle del Tirino, la gita in canoa che la cordialissima Addetta mi racconta come un’esperienza sensoriale unica: si percorre in canoa il fiume, fino a raggiungere la sorgente. Accompagnati da un istruttore, il cui compito non è esclusivamente di evitare inconvenienti lungo il percorso, ma anche quella di “raccontare” la Valle del Tirino, si arriva fino al punto in cui iniziano i 10 minuti di silenzio assoluto in cui ci si immerge completamente ed unicamente nei suoni , nei profumi e nei colori della natura perché solo così ne possiamo comprendere appieno le caratteristiche e indescrivibili che creano una pace interiore.
  • Dove alloggiare? Tra B&B, affittacamere e Agriturismi, a Bussi hai l’imbarazzo della scelta. La brochure consegnata al Centro Visite del Tirino contiene la specifica con indirizzi e recapiti di tutte le strutture che hanno aderito all’iniziativa. All’interno sono specificati anche tutti i punti ristoro.
  • Dove parcheggiare? Accanto al centro visite oppure sul lungo fiume, lato parco comunale (anziché percorrere il ponte, proseguire per la via principale e sulla destra troverai il parco in questione con parcheggi a spina di pesce).
  • Centro Visita del Lupo: si trova a POPOLI e non l’abbiamo visitato per la paura che Mattia ha del lupo, legata alla favola di Cappuccetto Rosso. Lungo un sentiero denominato “prede e predatori”, in compagnia di un accompagnatore, è possibile entrare in contatto con animali unici come il lupo, cervi, caprioli, daini, cinghiali, etc.
  • Il fiume è balneabile? Sì! La gentilissima Addetta del Centro Visite mi dice di sì. Il sì è da intendersi in senso lato perché riferito alle escursioni. In alcuni tratti la corrente è più forte e si vede ad occhio nudo (perciò è meglio evitare), in altre si formano piccoli laghetti. Prima di infilare il costume e tuffarsi, però, è preferibile chiedere indicazioni al Comune o a chi gestisce l’area, perché anche se lungo il percorso non ho riscontrato avvisi di divieto prevenire inconvenienti è meglio che doverli gestire e comunque non dimentichiamo che: siamo a casa d’altri e chi abita quel luogo ne conosce caratteristiche, segreti e pericoli.
  • Rispetto: lungo il percorso sono disseminati bidoni della spazzatura, perciò mi raccomando: rispetto per il luogo. Inoltre sono presenti fontanelle in ogni angolo, attrezzate con panche e tavoli. I margini del fiume sono spesso liberi ovvero accessibili: attenzione in presenza di bambini.
  • Bambini: il percorso è fruibile anche con passeggino o bicicletta. Sulla riva destra del fiume è presente un ampio parco giochi.
  • Animali: non ho riscontrato nessun divieto e comunque la zona è attrezzata con fontanelle e cestini per la spazzatura dove buttare eventuali sacchetti per i bisogni.
  • Per informazioni: Comune di Bussi sul Tirino – Via Regina Margherita – 085.9808033 e Centro Visite del Tirino (Il Bosso) – Via Gramsci – Bussi – 085.9808009 – info@ilbosso.com

Ti è piaciuta la Valle del Tirino? Noi ci torneremo presto per un’escursione in canoa! Promesso e con noi ci sarà anche Papà!

Scopri la nostra passione per l’Abruzzo leggendo i racconti di ogni luogo che ci ha colpiti al cuore da sempre o dal giorno in l’abbiamo scoperto!