asciugamani puzzano

Asciugamani puzzano come rimuovere il cattivo odore

Gli asciugamani puzzano di umidità e muffa, eppure sono stati lavati in lavatrice a 30 60 o 90°, con il miglior detersivo per bucato ed un ammorbidente profumato. Puzzano di stantio e quell’odore impregna le narici ogni volta che ci asciughiamo il viso. Il peggio è quando l’odore di stantio invade l’intero armadio e nessun profumatore riesce ad eliminarlo.

Ecco perché la domanda: esistono rimedi naturali, dei trucchi della nonna per rimuovere il cattivo odore da asciugamani e capi puliti in genere? Certo! Dal lavaggio ad alta temperatura, alla pulizia della lavatrice, passando per la scelta del detersivo giusto. Cerchiamo di capirne le cause.

La piaga degli asciugamani che puzzano, infatti, può invadere i cassetti e gli armadi. I migliori detersivi igienizzanti sembrano non sortire alcun effetto. La lavatrice è pulita da cima a fondo una volta al mese. I lavaggi sono alternati tra acqua calda e acqua fredda. Eppure gli asciugamani puzzano! E allora come riuscire ad eliminare il cattivo odore?

Perché gli asciugamani puzzano?
Per intervenire in maniera efficace, dobbiamo scoprire la causa del cattivo odore. Prima ancora, però, dobbiamo chiederci: perché gli asciugamani puzzano? Il cattivo odore è sintomo di presenza di funghi che trovano terreno fertile per diffondersi in condizioni di umido e calore. Noi non li vediamo, ma loro sono invisibili. Se sentiamo odore di muffa o umidità è certo che loro sono in circolazione.

Gli asciugamani puzzano per colpa della lavatrice
Se dipende dalla lavatrice, allora dobbiamo svolgere delle operazioni di pulizia completa, il cui scopo è quello di igienizzare e rimuovere depositi di sporco. Procediamo in questo modo:

  1. pulizia dell’oblò con un panno umido, possibilmente imbevuto di un detergente igienizzante;
  2. Lavaggio del cassetto e vano cassetto con l’ausilio di un vecchio spazzolino da denti. Poiché muffa e sporco si annidano soprattutto nel vano, togli il cassettino e inchinati per osservarlo con attenzione. Tutto quello sporco rischia di finire sui tuoi capi, inclusi quelli dei bambini.
  3. Disinfezione delle guarnizioni con un panno imbevuto di acqua e candeggina o aceto. Rimuovere eventuali residui di acqua e sporco.
  4. Pulizia del filtro posizionato alla base della lavatrice. Sarà sufficiente svitare l’attacco e rimuovere acqua maleodorante e eventuale sporco.
  5. Controllo tubo dell’acqua e di scarico perché anche qui potrebbero depositarsi sporco e calcare che otturano i tubi.
POTREBBE INTERESSARTI LEGGERE” COME PULIRE A FONDO LA LAVATRICE

Lavaggio ad alta temperatura
La lavatrice è perfettamente pulita o quasi. Occorre un lavaggio a vuoto, ad alta temperatura prima per la sola lavatrice, poi per i capi maleodoranti.

  1. Avviamo un un lavaggio a vuoto, a 90°, aggiungendo 2 misurini di candeggina pura del cassettino. In alternativa alla candeggina possiamo usare un mix di aceto e bicarbonato. Dobbiamo però unire il bicarbonato e l’aceto separatamente (ex: uno nell’oblò e l’altro nel cassettino). In alternativa possiamo sfruttare l’acido citrico, creando una soluzione di acqua demineralizzata. Procedete così: 500 ml di acqua in cui sciogliere 150 g di acido citrico. Anche in questo caso, versiamo il tutto nel cassettino.
  2. Raduniamo tutti gli asciugamani.
  3. Procediamo ad un lavaggio di tutti gli asciugamani.

Asciugamani puzzano: la causa è il lavaggio
Il cattivo odore degli asciugamani potrebbe dipendere anche dalla modalità di lavaggio, dalle temperature basse del ciclo usato e dalla centrifuga. In questo caso, come capire quale potrebbe essere la causa?

  • Che detersivo stiamo usando? Cerchiamo di capire se è di qualità o troppo forte. Nel caso possiamo allungarlo con dell’acqua, ridurre le dosi o potenziarlo con un cucchiaio di bicarbonato.
  • Aggiungiamo una quantità eccessiva di detersivo? Capita! Spesso non viene rimossa facilmente dal lavaggio in lavatrice, perché ad esempio il ciclo è troppo breve.
  • La mia lavatrice non scioglie bene caps o polveri? Perché succede? Il lavaggio a temperature troppo basse, a ciclo troppo breve oppure il tubo che conduce l’acqua alla latrice potrebbe essere incrostato, limitando così l’arrivo della quantità di acqua utile al lavaggio.

L’ammorbidente può essere la causa dei cattivi odori?
Sì. L’uso smodato di detersivi e ammorbidenti danneggia le fibre, usurandole e impregnandole di agenti chimici al punto che risulta difficile eliminarli del tutto. Inoltre, l’ammorbidente crea una patina che dona morbidezza ai capi, ma li rende incapaci di assorbire. In alternativa ai soliti detersivi è preferibile usare il sapone di marsiglia. Inoltre, dalla cenere o lisciva è possibile realizzare detersivi economici con grande capacità pulente, biodegradabili e 100% naturali e antiallergici.

Asciugamani che puzzano dopo l’asciugatura
Il cattivo odore potrebbe dipendere anche dall’asciugatura: davanti al camino, in uno stendino dove i capi sono pressati e non areati, in una stanza chiusa.

Perché è importante lavare ed asciugare correttamente gli asciugamani e ogni altro capo?
Perché la presenza di muffe può nelle situazioni più gravi creare danni alla salute, inoltre asciugamani, accappatoi, capi ancora umidi sistemati negli armadi e nei cassetti possono provocare danni a mobili e pareti facendo comparire la muffa.

Come asciugare bene gli asciugamani?

  1. Dopo il lavaggio non lasciare il bucato in lavatrice e non riporlo ancora umido nell’armadio e nei cassetti.
  2. Asciugare il bucato all’aria aperta o riporre in asciugatrice, dove impostare l’asciugatura completa o extra asciugatura.
  3. Se non hai l’asciugatrice, potresti aiutarti con il ventilatore o il deumidificatore.
  4. Tieni sempre aperta la finestra della stanza dove riponi lo stendino con il bucato.
  5. Non trascurare l’accappatoio: dopo la doccia sistemalo sullo stendino o sul termosifone, ad asciugare.
POTREBBE INTERESSARTI LEGGERE “COME ASCIUGARE IL BUCATO IN INVERNO

Altre cause degli asciugamani maleodoranti?
La lavatrice è pulita, l’asciugatura è perfetta, il detersivo è quello di sempre e l’ammorbidente non lo usiamo più eppure gli asciugamani continuano ad avere un cattivo odore. Come rimediare?

  1. Riunire tutti gli asciugamani che hanno odore di muffa/stantio/chiuso e riporli in lavatrice.
  2. Avviare un lavaggio, a caldo, senza detersivo. Aggiungere solo 250 ml di aceto bianco e 125 di bicarbonato di sodio oppure un tappo/mezzo bicchiere di candeggina se sono bianchi. Prima di usare l’aceto, leggi il libretto delle istruzioni.
  3. Terminato il ciclo, avviarne uno nuovo con le dosi corrette di detersivo. Aggiungere un tappo di aceto nello scomparto ammorbidente, senza utilizzare quest’ultimo.

L’aceto nel bucato combatte i cattivi odori?
L’aceto ha la funzione di ammorbidire le fibre e neutralizzare i cattivi odori
. Non tutti lo sanno, ma è un ammorbidente naturale ed economico che combatte germi e batteri. Il bicarbonato potenzia l’efficacia del detersivo, pertanto il suo utilizzo evita sprechi da dosaggio eccessivo. Questi due elementi vanno sempre aggiunti separatamente.

Altri consigli:

  1. Ricordati utilizzare le dosi corrette di detersivo per evitare sprechi e difficoltà di risciacquo.
  2. Inoltre puoi potenziare l’effetto con un cucchiaio di bicarbonato. Ottimo è anche l’acido citrico che ha effetto sbiancare, pertanto attenzione ai colorati.
  3. Una volta al mese poi andrebbe fatto un lavaggio a vuoto, a 90°, senza detersivo. In questo modo si eliminano tutti i residui di sapone e le varie sporcizie che si annidano nell’oblò.

Scopri tutti gli articoli dedicati a come pulire casa velocemente.

POTREBBE INTERESSARTI LEGGERE

Le indicazioni di cui sopra sono utili in tutti i casi di capi che emanano odore di muffa. Prima di utilizzare aceto e bicarbonato è importante leggere i libretto di istruzioni della lavatrice. L’utilizzo di questi prodotti naturali dipende da volontà del singolo, il presente vadevecum è a titolo esemplificativo e riporta esperienze personali.