Una famiglia in progress tra storie di cucina, risparmio e vacanze low budget

#iorisparmio con la Spesa al Mercato: Facciamo i Conti?

Martedì strano quello appena trascorso, tempo ballerino che apre la giornata con qualche nuvola ed un’aria pungente e la chiude con un tramonto mozzafiato.
Se devo essere onesta, il mio umore si è adeguato alla giornata.
Direi qualche crisi da Mamma poco Super e molto Disastro che ho soffocato con un giro al mercato, in compagnia del mio Nano.
Il mercato di Viale Europa è ricco di piccoli produttori, di piccoli contadini e di classici rivenditori. Ovviamente la sottoscritta predilige la spesa dalla vecchietta furbetta che fa la cresta sulla bilancia, ma che alla fine garantisce verdura a Km 0 che sono certa di poter dare anche a Mattia (quando riesco a convincerlo che le verdure sono buone).
Parliamo di strategie di acquisto: evito categoricamente i banchi degli stranieri che smerciano frutta e verdura a prezzo unico di 0,99 cent. Per 20/30 cent di differenza, preferisco riservare alla nostra tavola prodotti 100% locali.
Inoltre, nel mercatino cittadino si è un numero, contrariamente a quello di paese, perciò prima di fermarmi a fare acquisti faccio un primo giro di ricognizione e suddivido le esigenze dove il prodotto ad occhio sembra avere il migliore rapporto qualità/prezzo. Cerco di essere al mercato per massimo le 09.30, poiché il rischio è di trovare solo merce “frugata, pestata e di scarto”.
Provo a socializzare, poiché il sorriso e la richiesta del consiglio su come cucinare il prodotto aiuta ad essere trattati meglio da chi l produce con fare orgoglioso. Importante è tenere l’occhio vigile sulla bilancia e cercare di scegliere il prodotto da se, poiché il rivenditore tenderà a mischiare buono e semi buono.
Quando si acquista al Kg, per capirne la convenienza è bene valutare gli scarti che finiranno irrimediabilmente tra la spazzatura.
Se ci riuscite, barattate i prezzi. Io non sono adatta a queste pratiche, pago e mi sto zitta, ma se mi tratti male difficilmente mi rivedrai.
Ma cosa ho acquistato? Quanto ho speso?

wpid-20151110_110314.jpg

  • Primo banco: € 8,60 per 2 kg di arance, 1 kg di clementine, 1 grappolo d’uva rossa da circa 1 kg 200 g, 1 mazzo di cicoria, 2 cavolfiori;wpid-20151110_110405.jpg
  • Secondo banchetto: 2,80 € per 1,5 kg di spinaci ed un mazzetto di cipollotto. A cui si aggiungono 2,40 € per 2 trevigiane e un cavolo rosso e qui aggiungo che la vecchiarella che mi ha guardato la borsa Gucci e se alla Signora accanto ha dato un cavolo a 0,40 cent, a me lo ha venduto a 1,80!!! Perciò, la furbetta ha taroccato il conto, ma comunque sono contenta!
  • 1 kg di olive da fare in salamoia ad € 2,50.

Totale: 16, 30. Conveniente o no?!? Io penso di si, per una serie di ragioni:wpid-20151110_110336.jpg

  • i prezzi dell’Ipermercato possono essere anche più alti, con la differenza che non sappiamo il luogo preciso di provenienza;
  • la qualità del prodotto locale rende sicuri sulla provenienza;
  • ho una scorta di verdure settimanale, di cui una parte posso congelare cotte.

E’ un spreco? Troppa? No, non direi!
Devo escogitarebun altro trucchetto per renderle interessanti agli occhi di Mattia e, comunque, gli spinaci sono finiti subito in ammollo e una volta lessati, una parte diventeranno frittata e una parte andranno nell’impasto per i cannelloni che lui adora.
Il cavolo nero lo mangeremo per wpid-20151110_110322.jpg1/4 crudo, in insalata, ed il resto soffocato con le patate. Per il pranzo di mercoledì, la cicoria finirà nella pentola a pressione con le fave secche, per una saporita zuppa invernale e la restante, una volta lessata andrà in congelatore.
I cavolfiori sono wpid-20151110_111657.jpggià stati sbollentati in aceto e finiranno in barattolo, poiché l’ennesima scorta in dispensa è terminata.
wpid-20151110_122355.jpgNano mi ha aiutata con le olive. Io le ho spaccate e lui le ha messe in ammollo. Lui felice di essere utile e io felice per lui.
Una trevigiana finirà in parte in insalata con il cavolo rosso, cipollino e l’iceberg che avevo già in frigo e l’altra la farò alla griglia, assieme a delle bistecche di maiale. Allora, che ne pensi? Meglio il mercato o il Supermercato? wpid-20151110_111754.jpgAh… dimenticavo: ecco le mie pantofole per soli € 5,00!!! Non circolo quasi mai per le bancarelle di vestiti e scarpe, ma oggi l’occhio mi è finito su queste e aldilà delle paillettes che fanno poco Francesca, sono comode! Unico problema: la destra è magicamente sparita per mano di Mattia e non riesco a trovarla!! La crisi?!? Con tutta questa verdura da pulire e sistemare è svanita! Ottima terapia lo shopping casereccio e il salvadanaio a parer mio si è ingrassato! 🙂

A presto! Mamma Francesca & Nano

Listino prezzi:

  • olive fresche 2,50 al kg
  • cavolfiore, arance, cicoria ad 1 € al kg;
  • clementine, uva, spinaci, trevigiana a 1,50 kg;
  • cavolo nero, cipollino non l’ho capito. 🙂